NEWS

23 Maggio 2018
Video versione Desktop - Presentazione della nostra Scuola

23 Maggio 2018
Video versione Smartphone - Presentanzione della nostra Scuola

22 Maggio 2018
Abstract Seminario 9 Giugno 2018

16 Maggio 2018
Flyer Casa dei Piccoli

16 Maggio 2018
Flyer Istituzionale Scuola di Psicoterapia

16 Maggio 2018
Seminario 9 Giugno 2018

10 Maggio 2018
Open Day a Trieste

19 Aprile 2018
Flyer Mantova

23 Marzo 2018
Calendario Seminari 2018

30 Novembre 2017
Open Day - 16 Dicembre 2017

7 Novembre 2017
Formazione e Fiducia

7 Settembre 2017
Seminario del 23 Settembre 2017 Perchè ho un bambino così difficile? Come comprendere ruolo e motivazione dell'aggressività

24 Agosto 2017
Save the Date!!

15 Giugno 2017
Il Concetto di Vulnerabilità Latente alla Luce delle Neuroscienze e dell'Epigenetica

19 Maggio 2017
Abstract del Seminario del 27/05/2017 a Ravenna presso Sala Nullo Baldini

21 Febbraio 2017
Ciclo Seminari 2017

7 Febbraio 2017
Notizie sulle finalità dell'Istituto "Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica"

7 Febbraio 2017
Sedi Didattiche Periferiche dell'Istituto "Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica"

8 Ottobre 2016
Seminario del 29 Ottobre 2016

24 Settembre 2016
Seminario "DEVO DIRTI DI NO! L'Importanza della Frustrazione per lo Sviluppo del Bambino nei Primi Anni di Vita"

10 Maggio 2016
Sabato 18 giugno 2016 Seminario a Padova

31 Marzo 2016
Depliant dei Seminari previsti per il 2016

16 Marzo 2016
Festa di inaugurazione della nuova Casa dei Piccoli di Mantova

11 Febbraio 2016
Attività della Scuola 2016

17 Ottobre 2015
24 ottobre 2015 Open Day

1 Ottobre 2015
Il seminario del 26/09/2015 apre le attività della Casa dei Piccoli

14 Settembre 2015
Sabato 3 Ottobre 2015 Seminario a Mantova

24 Agosto 2015
OPEN DAYS

23 Luglio 2015
Perché sono importanti i primi anni di vita…..

13 Luglio 2015
I nostri seminari parlano di noi e della nostra scuola….

6 Luglio 2015
Obiettivi formativi e contesto relazionale all'interno del quale intendiamo perseguirli

3 Luglio 2015
La Postura Psicoanalitica

30 Giugno 2015
La Casa dei Piccoli è in vacanza fino a Settembre

11 Giugno 2015
Arrivederci a Settembre

24 Maggio 2015
I 7 Sistemi Emotivi di Jaak Panksepp

12 Maggio 2015
Seminario di Lesley Caldwell del 9 maggio 2015, presso Il Circolo Ravennate e dei Forestieri

23 Aprile 2015
La Casa dei Piccoli è anche a Pesaro

13 Aprile 2015
Sede didattica Periferica

27 Marzo 2015
Domenica 22 marzo alla Casa dei Piccoli

23 Marzo 2015
Assessment e Psicoanalisi

3 Marzo 2015
Seminari 2015: Il Controtransfert

1 Marzo 2015
Le domeniche della Casa dei Piccoli

22 Febbraio 2015
Giocare insieme è amarsi? Impariamo a divertirci con il suono delle nostre voci.

18 Dicembre 2014
CASA DEI PICCOLI

18 Dicembre 2014
Presentazione dell'edizione italiana di "Leggere Winnicott": gli interventi di Lesley Caldwell e Angela Joyce

24 Novembre 2014
28 novembre 2014 INVITO INCONTRO

6 Settembre 2014
27 SETTEMBRE 2014 - SEMINARIO - UNA SFIDA DA NON PERDERE NEI PRIMI TRE ANNI DI VITA DEL BAMBINO: COME PREVENIRE LE SUE DIFFICOLTA' EMOTIVE E RELAZIONALI

16 Gennaio 2014
SEMINARI 2014

8 Gennaio 2014
Attività Formativa 2014

21 Dicembre 2013
Casa dei Piccoli

6 Luglio 2013
Notizie dalla Casa dei Piccoli

7 Giugno 2013
Intervista ad Anne-Marie Sandler

10 Maggio 2013
SEMINARIO

11 Aprile 2013
SEMINARIO

27 Marzo 2013
LA CASA DEI PICCOLI

16 Gennaio 2013
SEMINARI 2013

22 Dicembre 2012
LA CASA DEI PICCOLI Calendario

3 Dicembre 2012
LA CASA DEI PICCOLI, saluti e auguri

16 Novembre 2012
PROGRAMMA DI FORMAZIONE PERMANENTE 2013

11 Novembre 2012
SESSIONE DI DIPLOMA

20 Luglio 2012
27 OTTOBRE 2012

20 Luglio 2012
SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER IL NUOVO ANNO FORMATIVO 2012-2013

14 Marzo 2012
"CASA DEI PICCOLI"

2 Febbraio 2012
RETTIFICA DATA

27 Dicembre 2011
SEMINARIO DR.SSA ANNE-MARIE SANDLER

1 Dicembre 2011
PRESENTAZIONE DEI SEMINARI DEL PROGRAMMA DI FORMAZIONE PERMANENTE 2012

15 Ottobre 2011
INIZIO LEZIONI ANNO ACCADEMICO 2011-2012

3 Ottobre 2011
OPEN DAY - INCONTRO DI PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITA' FORMATIVE DELLA SCUOLA - ANNO ACCADEMICO 2011-2012

1 Febbraio 2011
PRESENTAZIONE DEI SEMINARI DEL PROGRAMMA DI FORMAZIONE PERMANENTE 2011

1 Gennaio 2010
PRESENTAZIONE DEI SEMINARI DEL PROGRAMMA DI FORMAZIONE PERMANENTE 2010

23 Luglio 2015

Perché sono importanti i primi anni di vita…..

 Breve estratto della introduzione alla prima parte del Seminario “La Costruzione del Cervello Emotivo”   che la dott.ssa Amanda Jones ha tenuto a Ravenna   il 27 Ottobre 2012

I bambini nascono con bisogni determinati biologicamente, vogliono  rapportarsi col mondo e ne hanno bisogno.
Questa spinta è essenzialmente emotiva; Il bambino ha una forte necessità di essere desiderato e di ricevere attenzioni e cure speciali da parte dei propri genitori.
Quando vi sono situazioni congenite, mediche o dovute a conflitti importanti o quando esistono gravi deprivazioni riguardo ai  bisogni primari, questo desideri odi base  può essere frustrato, il che costituisce  inevitabilmente  una situazione traumatica per i neo- genitori.
Persino bambini molto prematuri nei reparti di cure intensive neonatali, o bambini nati in luoghi pericolosi o dove c’è carestia, possono mostrare un desiderio struggente  di instaurare una relazione con un adulto reattivo e disponibile.
Perché cominci a svilupparsi un senso positivo di autostima è necessario che i bambini si sentano importanti e preziosi e nei primi mesi i bambini hanno bisogno di sentirsi oggetto di protezione e di attenzione speciali .
Sebbene dotati di temperamenti diversi, tutti i bambini hanno bisogno che i genitori e la famiglia allargata siano attenti a loro e investano sul loro benessere e la loro sicurezza; hanno moltissimo bisogno di interazioni gioiose, che creano il sentimento di essere piacevoli e in grado di procurare piacere.
La co-creazione di un futuro approccio alla vita flessibile e ottimistico è  un punto di fondamentale importanza. I bambini hanno bisogno anche che i loro stati emotivi estremi siano in qualche modo gestibili.
E’ necessario che i genitori comunichino continuamente ai loro bambini  che i sentimenti che li assalgono, sebbene molto forti e a volte spaventosi, possono essere compresi e gestiti.
Col passar del tempo, questo aiuta un bambino piccolo nel lungo camminoche lo porterà ad essere in grado di gestire sia le sue urgenze egoistiche che stati emotivi  intensi e di panico collegati alla separazione.
Se questo processo procede abbastanza bene, il bambino sarà in grado di venire a patti con la propria fallibilità ed i propri errori e di proteggere e dare valore ai propri punti di forza.
In questo caso il bambino si sentirà amato, a sua volta desidererà amare, sarà in grado di trattare gli altri come persone speciali, potrà tollerare i difetti degli altri e aver fiducia nelle relazioni umane  che, sebbene complicate, aggiungono valore e significato  alla propria vita. Se questa aspirazione primaria a desiderare e ad essere desiderati viene ripetutamente  frustrata perché un genitore è troppo emotivamente disturbato per poter amare sacrificarsi e rispondere in modo appropriato al suo bambino, lo sviluppo emotivo del bambino può essere danneggiato.
Il fatto che questa aspirazione primaria sia disattesa è un elemento di estrema importanza  per lo sviluppo di una serie di difficoltà successive:
può strutturarsi una personalità troppo difesa e insicura che si manifesta nella prima infanzia con una serie di disturbi emotivi che possono interferire con lo sviluppo sociale del bambino e con l’apprendimento cognitivo.
Alle radici di molte sofferenze c’è una incapacità di dare fiducia.
Trovarsi in un momento cruciale
‘Momento cruciale’ è un termine che è stato usato dal famoso pediatra Professor T. Berry Brazelton ora  novantatreenne per descrivere un punto nel continuum temporale quando c’è una normale crisi evolutiva che richiede
una riorganizzazione sia fisica che emotiva affinché si sviluppino la crescita e il cambiamento:è un momento divulnerabilità ma anche un momento di opportunità e di potenzialità.
Se noi consideriamo ogni concepimento e ogni gravidanza come un momento ‘cruciale’ particolarmente critico per ogni madre e padre in attesa, allora ha senso pensare che i genitori entrano in un periodo di  maggiore vulnerabilità
durante il quale le tensioni dinamiche di forze regressive e progressive coesistono in una miriade di modi.
I genitori in attesa  e la più ampia famiglia allargata hanno un crollo, per così dire per fare spazio al nuovo  sviluppo costituito dal bambino in arrivo. Questo processo può avvenire secondo modalità più o meno sane ed efficaci. Come sappiamo qualche volta ciò avviene in modo disastroso a causa di vulnerabilità precedenti che sono per così dire crepe emotive che causeranno l’equivalenza  di un terremoto emotivo nei genitori esponendo  i bambini a danni gravi e persistenti.
 
Scuola di Psicoterapia psicoanalitica Anno accademico 2011-2012
Traduzione di Nedda Papi